Testimonianze

Nel corso di questi anni abbiamo raccolto alcune testimonianze delle persone che abbiamo incontrato.

Per motivi di privacy ci limitiamo a riportare i testi delle lettere che ci sono state lasciate, senza specificarne dati identificativi precisi.

 

 

Giuseppe e Sara

 

 

febbraio 2014

 

Il nostro grazie non è paragonabile a tutto quello che avete fatto per noi. Sono stati giorni di rinascita, la nostra vita è cambiata, il nostro amore è cambiato ma sopratutto il nostro amore verso Dio.

Il cammino sarà lungo, e forse tortuoso ma siamo pronti ad impegnarci. Crediamo che con il vostro aiuto tutte le nostre paure spariranno.

Grazie con tutto il cuore...

A presto... con affetto 

Cristian ed Alessandra

 

29/07/2015

 

Sono una ragazza che è entrata a far parte del gruppo di preghiera de "I Tre Arcangeli" poco più di due anni fa, assieme a mio marito e da allora la nostra vita è cambiata. Il Signore ha aperto il nostro cuore e i nostri occhi con il suo amore infinito....

Vorrei solo dire ai familiari di Padre Oceano di esserne orgogliosi , di amarlo e rispettarlo con tutto l'amore che merita è un padre meraviglioso!

Dio ci ha donato il suoi discepoli!

Grazie a tutto il Cielo dell'Amore immenso di tutti i nostri fratelli. Il nostro pilastro Padre Gabriel con la sua vita, la sua infinita umiltà ci dona luce e Amore....

Padre Oceano nostro aiuto e sostegno ed il nostro fratello Marino prossimo al sacerdozio!

Grazie Gesù dei tuoi discepoli!

Lode e Gloria a Dio!

Il Cenacolo di preghiera è la nostra casa, la nostra famiglia e preghiamo con tutto il cuore di essere sempre degni di farne parte!

 

 

Susanna

 

 

2015

 

Mi chiamo Susanna e la mia esperienza e conoscenza con Gabriel è avvenuta grazie a mia cognata alla quale era stato suggerito un colloquio/dialogo con lui, ma per mio marito....

Ho avuto i primi colloqui con Gabriel nel 2013 che si sono diradati nel 2014 per motivi di lavoro per poi riprendere sino ad oggi.

Gli incontri/colloqui con lui sono per me una liberazione da stress, negatività e dopo lo sfogo piano piano il mio stato d'animo iniziale si trasforma poi in qualcosa di sereno e più chiaro per permettermi di essere più riflessiva e agire con più amore verso i miei familiari.

Tanto tempo fa prima di sposarci io e mio marito avevamo un padre spirituale... ecco Gabriel è quel padre spirituale che ci mancava e che secondo noi ci è stato fatto incontrare dal Signore dato che i messaggi che ci portiamo a casa sono sempre d'amore e di serenità nonché di preghiera che guarisce e risponde.

Ad oggi ringrazio Gabriel per avermi accolta come una figlia, una sorella che ha bisogno di capire qual'è la strada giusta, la direzione da prendere e spesso questa confusione ci porta fuori strada fuori binario e si rischia di perdersi nelle sensazioni negative che complicano ancor più le relazioni interpersonali con chi ti sta accanto.

Con Gabriel ho avuto la conferma e la certezza  che Gesù è sui miei passi, la certezza che solo la preghiera mi da pace e mi alimenta l'amore per cui siamo stati creati.


 

Preghiera di perdono a Gesù dopo colloqui con Padre Gabriel

27/08/2013

 

Eccomi Signore, lontano e vicino a te, non so che dirti, il cuore é colmo di lacrime e vorrebbe trovare un fiume dove versarle, un fiume che possa accoglierle, per liberarmi così, da questo immenso peso a cui non so dare nome, ne voce, ne senso...La solitudine domina solenne e soffoca la mia libertà. 

Ho offeso, giudicato, ho peccato, ho sentito il tuo Amore. Ho lasciato che la prepotenza, la forza, la superbia del mio "se", fossero grandi agli occhi degli altri che ho condannato....

Chi sono io per credere di possedere una legge unica e giusta nella mente e nel corpo?

Ho ferito, ingiuriato, condannato sommariamente esseri per la loro ingenuità, per la semplicità, per l'incompleta espressione del loro intelletto, per le imperfezioni che ne compongono gli animi e le membra...

Per la sciocca assenza di conoscenza che anima le loro essenze...Ma qual'è la loro colpa se di colpa si può parlare?....

Chi sono io per sentirmi migliore? e poi ciò che sono e ciò che ho non fosti tu a donarmelo? perché ci sono diverse membra e diversi sogni, diverse opportunità, diverse intelligenze?

Ci sono, perché ci sono diversi fiori, diversi alberi, diversi frutti. Ed ora merito ancora il tuo rispetto?

Signore perdonami, perdonami sempre. Rendimi strumento utile solo per la tua volontà, la mia sia spenta se disobbedisce a te, sia mantenuta solo quando è in ordine, in armonia con il tuo sentire.

Un sentito pensiero per Oceano

 

29/05/2015

 

Caro Oceano, il primo giorno che ti ho visto assieme ai tuoi fratelli, ho avuto un po si soggezione, quel tuo sguardo profondo, la tua lunga barba e quel modo di essere "diverso" dalla quotidianità; le cose che però in quello stesso giorno mi sono successe per grazia del Signore e della Santissima Sua Madre Maria che ti ha scelto come suo servitore, mi hanno fatto cambiare drasticamente idea.

Ora, ogni giorno, sento il desiderio di rincontrarti, di udire la tua voce che lascia parole semplici, mirate, che danno gioia come quando ascolti una bella canzone, cosa che tu ami fare, abbandonandoti alla sua melodia fino ad arrivare alla commozione.

Conosco poco il tuo passato, ma come mi hai accennato brevemente, anche su di te il male ha giocato.

Ora soffri nel vedere le persone in preda ai loro sbagli, alle loro debolezze.    Allora ti prendi carico di tutte le loro tribolazioni  con il tuo amore, e con la forza che ti da Maria combatti ogni giorno la tua battaglia che lascia sul tuo corpo ben visivi i segni delle ferite ed il dolore quasi insopportabile.

Non mollare caro Oceano, hai scelto un cammino durissimo, è Maria che te l'ha chiesto e ciò ti fa onore; ricordati che lei non ti abbandonerà mai perché ti vuole con se per l'eternità.

Con tanto affetto

 

Andrea

 

Rosalia

 

09/08/2015

 

Premetto che non è mia intenzione eccedere in sviolinate o dare l'impressione di volere compiacere a qualcuno...

Sono mamma, di due ragazzi, moglie, lavoratrice, ho la fortuna di lavorare....

Personalmente ho ricevuto un'educazione cristiana e cattolica ma da genitori poco, anzi per niente praticanti.

Da madre ho cercato di trasmettere ai miei figli quanti più valori positivi e cristiani possibile, spero di esserci riuscita almeno un pò ed il tempo spero che confermi questa mia speranza.

A ... anni mi sono resa conto di essere smarrita, mi sono accorta che mi mancava qualcosa non capivo cosa, sentivo un senso di solitudine, ho persino pensato di non essere più in grado di svolgere il mio ruolo di madre e moglie.

A questo punto, tramite una cara amica che mi ha convinto con poche parole e dicendomi semplicemente "FIDATI DI ME" ho iniziato a frequentare questa casa, luogo di preghiera e insegnamento. Ora sono circa 5 mesi che frequento questo luogo di serenità.

Appena arrivata, ero impaurita, sperduta, non sapevo come comportarmi.  Sono stata accolta da "I Tre Arcangeli".....

Fin dall'inizio mi hanno fatta sentire a mio agio, senza chiedere o dare giudizi.

Questi Tre Arcangeli ricchi di fede e di carità cristiana, accolgono come un dono di Dio chiunque bussi alla loro porta, mettendosi al loro servizio e sopratutto in loro ascolto, spiegando principalmente che le sofferenze e le difficoltà possono essere motivo di riflessione sulla vita e sulla fede. 

Con loro ho imparato prima di tutto a pregare, non che non lo facessi anche prima ma forse non riuscivo a farlo nel modo giusto, non riuscendo a liberare la mente dai piccoli e grandi affanni di tutti i giorni. Ma frequentando la casa de I Tre Arcangeli ci sono riuscita, arrivando a provare durante la preghiera emozioni bellissime e grande appagamento.

Ho imparato a non giudicare gli altri, a non ferire con comportamenti presuntuosi il prossimo, che prima di ogni cosa è necessario guardare dentro a noi stessi.

Tutto questo ti fa vedere il mondo con occhi diversi, ti fa trovare pace.

Qui in questo luogo di preghiera, con la guida e la parola de I Tre Arcangeli posso affermare di aver sperimentato il vero valore della fede.

Tutto ciò vorrei gridarlo ai quattro venti con tutta la gioia che ho nel cuore.

 

 

 



Anna

 

01/04/2015

 

Mi presento sono Anna, sono una signora ormai di ....anni, dico ormai perché la mia storia è incominciata all'età di 23 anni. Mi sono sposata il ...... e quel giorno che era la festività di pentecoste sprizzavo gioia con la G maiuscola da tutti i pori, incoronavo il mio sogno anzi con la mia mamma la chiamavo la mia vocazione. Il tempo della felicità però è durato, poco solo fino ad ottobre,  perché lì sono incominciati i miei problemi. I figli che non arrivavano, la depressione strana, la stanchezza fisica. Quante strade, chiedevo aiuto anche nella confessione, ma sembrava più un problema psichico che non di altra natura e lì siamo arrivati fino al 2000, ma non in meglio, sempre in peggio. Ho pensato tante volte di .... e di farla finita ma questo non l'ho mai detto a nessuno, dentro di me però c'era anche il pensiero: "sono cristiana come posso togliermi la vita!"

.......una zia mi ha suggerito un esorcista ed io ho detto: "ma pensa se questo mi riceve e se mi riceve lo so già che mi dirà che sono matta".

Però il giorno dopo ho preso appuntamento da Monsignor Andrea Bennati che mi ha aperto la sua porta... mi ha fatto una preghiera. In quel momento ho sentito come se avessi sulla testa un masso....e lì ho cominciato il mio cammino perché avevo proprio bisogno di esorcismo.  Quando Mons. Andrea Bennati si è ammalato ho cambiato esorcista, però ho avuto anche tante porte sbattute e tante umiliazioni, mi hanno mandata anche dallo psichiatra....mi ha umiliato e mi ha anche ordinato una cura per la quale sono andata a finire al pronto soccorso. Ma ho sempre ubbidito a chi avevo davanti, avendo fiducia nel Signore che non abbandona chi a Lui si rivolge. 

Poi un giorno una persona mi ha fatto conoscere Padre Gabriel a novembre 2013.

Quando sono entrata in quella casa c'era una forza d'amore tale che io non volevo starci. Lì non ho dovuto subire lo studio di un psichiatra perché Padre Gabriel, che prega tanto, ha capito, non lui ma Gesù..., di cosa avevo bisogno perché Gesù è medico e dottore delle nostre anime e se noi ci affidiamo a lui, non abbiamo bisogno di laure o studi perché Gesù agisce in chi si fa strumento per i fratelli.

E il 6 aprile 2014 Gesù mi ha liberata. Un grazie di cuore a Padre Gabriel che quando è stato chiamato da Gesù ha detto sì. 

Ha lasciato tutto quello che aveva per il prossimo....

E quanto bene fa alle nostre anime perché quando entri in quella casa ti sembra di essere in Paradiso, da quanta preghiera e amore c'è.

Grazie Padre Gabriel e a tutti i suoi fratelli e grazie Gesù!


 

Lidia

 

03/06/2017

 

Dio Padre ti dico grazie con tutto il cuore, per avermi donato questo cammino. Signore, mi hai fatto girare per poter trovare dove mettere il cuore, per saper apprezzare questo grande dono. Ma devo dire un grande grazie con tutto il cuore a voi Padre Oceano e Padre Gabriel, perché per il vostro "sì", per la vostra vita offerta a Dio, per il vostro amore a Dio ed ai fratelli, per tutti i vostri sacrifici, grazie!!

Grazie al vostro "sì", io ho potuto far parte di questo immenso dono. Grazie perché attraverso di voi ho incontrato Gesù e Maria vivi. Grazie a Dio per la fede, l'umiltà, la semplicità del vostro vivere. Dio sa quanto sono misera, piccola, peccatrice, solo con l'amore di Gesù e Maria che opera attraverso di voi, mi può aiutare a camminare. Grazie per essere grande esempio d'amore e carità, per la vostra grande fede ed umiltà, mi avete dato la sicurezza  per poter dire il mio "sì".

Grazie Padre Oceano perché ti sei preso cura del mio cammino con tanta pazienza, forza, tenerezza di madre e amore.

Grazie Padre Gabriel perché con fermezza, forza e tanto amore di Padre ti sei preso cura di mio figlio Gabriele.

Hai saputo dargli sicurezza e tanto amore.

Nella libertà, nell'amore che questo cammino mi dona, chiedo con tutto il cuore il vostro continuo aiuto, per poter compiere la volontà di Dio. Sò di essere debole, fragile, niente, ma attraverso voi sono sicura che Dio potrà e può aiutarmi a camminare. Vi sono grata con il cuore e con la mia misera preghiera, ma fatta con amore.

Dio vi benedica e vi protegga sempre, la cara Mamma celeste vi ricolmi dell'amore che solo Lui ci può donare!!

Anche quando la mia bocca è muta, il mio cure vi ringrazia!!

Grazie!!!

 

 


Erike

 

18/05/2015

 

Il 26 dicembre 2014 è arrivata la mia conversione per mano di nostro Signore.

Ho iniziato a frequentare il Cenacolo de  "I Tre Arcangeli" a fine febbraio del 2015 grazie a mio fratello che già andava agli incontri di preghiera da un anno e che oggi, grazie alla conversione ricevuta in quella casa è entrato in Seminario.

Il Signore quando arriva ci cambia e non è sempre facile per gli altri e per noi stessi accettare questa trasformazione, ma nell'umiltà dobbiamo sempre ricordarci chi siamo stati per capire chi vogliamo diventare. Per questo Egli ci indica una via da percorrere, un cammino da seguire ed è qui che sono arrivata grazie a Lui. Oggi cammino con questi nuovi fratelli che mi hanno fatto capire che cosa significa veramente amare e seguire il Signore, che cosa vuol dire sacrificio, famiglia, fratellanza e cos'è veramente la Preghiera. E come canta Oceano così innalzo anch'io il mio grazie a Dio chiedendo "Ti prego Signore, nel Tuo cammino voglio restare".


Marino

 

27/01/2018

 

Scrivo queste poche righe, sperando che arrivino al cuore di voi tutti, perché desidero esprimere, (anche un libro non basterebbe), una testimonianza di quanto i fratelli, P. Gabriel e P. Oceano nel cammino dei Tre Arcangeli, hanno fatto per me in tutto questo tempo. Non sto lì a spiegare come sono arrivato in questo cammino, perché più o meno lo sapete, ma la cosa che più conta è innalzare un inno di Lode a Dio perché ha scelto i Suoi servitori, per compiere meraviglie in questo esilio terreno. Da quando ho cominciato il cammino verso Cristo nel Cenacolo di Preghiera “I Tre Arcangeli”, per me è ricominciata la vita, sono letteralmente risorto a vita nuova ed ora, per grazia infinita di Dio, ho la possibilità di realizzare ciò che è stata la chiamata che ho sentito qui alcuni anni fa. Questi fratelli che da giugno ad oggi sono stati la mia famiglia, mi hanno insegnato a pregare, a meditare, mi limito a dire, a vivere! Perché la lista sarebbe davvero lunga. È proprio nel nostro quotidiano che possiamo incontrare Gesù ed è qui che la Sua presenza, assieme alla Vergine Santa, è viva. Qui inoltre ho potuto ascoltare il vero Vangelo, non si finisce mai di imparare riguardo la vita di Gesù e Maria Ss, una laurea in teologia non vale nulla rispetto alla sapienza che solo Dio può darti e che in questo cammino attraverso i fratelli, si sente, si vive, si apprende se apriamo il cuore a Cristo. Grazie allora fratelli perché ogni giorno, con il vostro Si a Cristo, permettete a Lui di riportarci sul giusto cammino, come è successo a me. Come dice sempre P. Gabriel, è il Signore che fa le grazie!!! Però aggiungo, grazie anche ai vostri continui sacrifici!

 

La Ss. Trinità, Padre Figlio e Spirito Santo, con Maria Ss, San Giuseppe e gli Arcangeli benedica P. Oceano e P. Gabriel e questo cammino ora è sempre. Amen. 


Paola

 

2014

 

La mia sofferenza è iniziata da quando avevo poco più di quattordici anni, da ragazzina allegra e spensierata mi sono ritrovata piena di paure, ansie e depressione. Il mio rifugio era sempre il letto, come senso di protezione. Da lì i miei genitori hanno iniziato a portarmi dai medici che mi hanno definito una psicopatica, iniziando con cure abbastanza forti, vista la mia giovane età. Inizio la scuola superiore di ragioneria con una difficoltà atroce; sempre promossa fino al quarto anno, ma al quinto anno, quello della maturità, mi sono ritirata per due anni consecutivi per il mio stato precario di salute. 

La vergogna, sono stata passata per matta; ma nonostante tutto ho trovato un lavoro come contabile, anche senza diploma, dal marito di una mia vicina di casa, che visto il mio stato mi ha consigliato di andare da esorcisti, ne ho cambiati tanti ma i risultati erano irrilevanti fino ad essere definita solo un caso psichiatrico. Passano gli anni, la sofferenza aumenta. 

All'età di 46 anni ero uno straccio, non riuscivo neppure a mangiare: la disperazione...

Il 24 ottobre 2013, era una settimana che ero a letto senza mangiare, sono entrata per grazia di Dio nella Santa Casa de "I Tre Arcangeli" ed entrata impaurita, mi trovo davanti Padre Gabriel; ho raccontato la mia storia, e poi mi ha fatto una preghiera, una cosa  inspiegabile, ho sentito un amore non di questa terra, una pace, una gioia...

Mi ha guardata e mi ha detto: "il male è forte ma questa sera mangerai".

E fu così!

Le preghiere sono continuate settimanalmente ed il 13 marzo 2014 la liberazione, a cui partecipò con la preghiera anche Padre Oceano, da pochi mesi entrato nella casa. 

La mia vita è cambiata totalmente grazie a questi figli di Dio che mi hanno insegnato a pregare, a perdonare, a non giudicare, ad amare il prossimo, in una Parola sola "IL VANGELO". 

Ringrazio questi fratelli non di sangue ma che hanno versato sangue per me per la VITA NUOVA. Sono disposta ad aiutarli sempre anche con dei dolori, sono l'Amore e poi mi permetto di dire che hanno il carisma della preghiera direttamente da Dio.

Grazie Maria Santissima perché in quella casa ho incontrato TUO FIGLIO GESU'.

Con amore fraterno....